Società omerica e società moderna

Sempre parlando della società ad oralità primaria, siamo passati ai poemi omerici.
“Cantami, o diva, del pelide Achille, l’ira funesta.”
Con questa celebre citazione dall’Iliade vorrei aprire una riflessione su una grande differenza che c’è secondo me tra la società omerica e quella moderna (sono ovviamente tantissime sotto vari livelli ma è in particolare di questa che vorrei parlare).
Quando Agamennone toglie ad Achille la schiava Briseide, quest’ultimo si abbandona all’ira, perchè il gesto in sé rappresentava una mancanza di rispetto, sinonimo del disconoscimento del ruolo di capo, proprio di Achille.

La reazione di Achille si può ritenere eccessiva (se pensiamo a tutta la guerra da essa scatenata e da Omero narrata), però certo è che aveva una giustificazione fondata. Quando oggi mi guardo intorno, vedo mancanze di rispetto ovunque e di ogni tipo e persone che se le lasciano scivolare addosso, quasi come se ci fosse una sorta di rassegnazione, come se la mancanza di rispetto fosse una cosa normale.

Ora non dico che in ogni situazione sia necessario scatenare una guerra, però vedo intorno a me una mancanza di valori che non mi rasserena. Con questo non voglio fare di tutta un’erba un fascio, perchè per fortuna ci sono ancora delle brave persone, ci tengo a sottolinearlo.
Se volete discutere di questo, anche e soprattutto se non siete d’accordo, sono qui, pronta a leggere le vostre opinioni.

Annunci

6 Responses to Società omerica e società moderna

  1. Pasqua Colafrancesco ha detto:

    A proposito di Omero e della guerra di Troia
    Una precisazione mi viene sollecitata dall’intervento di Olga: la guerra di Troia non è stata causata dal contrasto Tra Achille e Agamennone ma dall’offesa arrecata da Paride figlio di Priamo re di Troia a Menelao con la sottrazione consensuale a quanto risulta di Elena moglie di Menelao, conquistata dal fascino del giovane principe troiano: pure sempre una violazione del principio di ospitalità e grave offesa all’immagine pubblica del re acheo. per venire a noi e alla società contemporanea io sono convinta che il clima diffuso di prevaricazione della personalità altrui nasca dalla convinzione diffusa che l’affermazione della propria volontà e dei propri bisogni sia un diritto inalienabile e che la misura della convivenza civile sia stabilita solo in rapporto ad un sistema del tutto personale di valori e comportamenti. Quanto sia pervasiva questa convinzione è dimostrato proprio dalla rassegnazione con cui viene generalmente subita.

  2. Olga ha detto:

    Concordo con lei professoressa. La società odierna (anzi direi gli uomini, visto che siamo noi a formare la società) è convinta che prevalere sull’altro sia giusto, in questo modo vengono violate le possibilità altrui di esprimersi liberamente. Il famoso detto: “la tua libertà finisce quando inizia quella altrui” è veritiero secondo me. Si può dire e si può fare quello che si vuole purchè questo non vada a ledere un’altra persona, senza necessariamente mancare di rispetto agli altri. Per quanto riguarda poi la guerra di Troia, chiedo scusa se il mio intervento ha fatto intendere che la causa scatenante sia stato il contrasto tra Achille e Agamennone. Da quanto narrato si tramanda che il “rapimento” di Elena sia stata la causa, ma anche questo avvenimento è comunque una mancanza di rispetto verso Menelao, che ovviamente non poteva lasciar scorrere la cosa senza intervenire, perchè altrimenti che opinione si sarebbe avuta di un re che non fa vedere chi comanda e che si lascia mancare di rispetto?

  3. Giusy ha detto:

    Concordando con il fatto che la società omerica non ha paragone con l’attuale società, credo che l’uomo sia sempre lo stesso..l’evoluzione continua ad esserci solo a livello fisico e scheletrico..per quanto l’uomo moderno abbia fatto passi da gigante in campo scientifico, tecnologico, medico, educativo e quant’altro, non ha certo subìto un’evoluzione a livello morale..mancano i valori, quei codici morali che permettono il rapporto con l’animale della stessa specie..qualche tempo fa mio nonno mi parlava del cosìdetto “delitto d’onore”..il marito infatti aveva il permesso di uccidere moglie, amante e complici nel caso in cui la propria compagna avesse tradito la fedeltà del matrimonio..stesso caso del passo rigurdante Achille e il rapimento di Briseide o Menelao e il rapimento di Elena..l’uomo aveva bisogno di difendere il proprio territorio, la sua proprietà..non doveva in alcun modo essere “privato” del potere di uomo dinanzi alla società..e come sempre la donna è causa dell’ira funesta degli uomini!!!

  4. francarosa ha detto:

    Io concordo assolutamente con i concetti sopra esposti, però io credo che non sia possibile un confronto tra la società omerica e la nostra: per fortuna alcuni principi dell’epoca non sono più ammessi dalla nostra società, o almeno non dovrebbero essere, anche se qualcuno ogni tanto li riporta in vita (come il dovere della vendetta, vd. Achille che vendica Patroclo uccidendo Ettore);il tempo e l’evoluzione hanno portato così tanti cambiamenti che, molti aspetti, oggi mi sembrano inconcepibili. Certo la superficialità nei confronti del prossimo c’è oggi come in antico ma, forse parlerò da sentimentale e cristiana, nessuna causa, valore offeso, rapimenti e violazioni valgono la perdita anche di una sola vita…per non parlare poi di un’intera guerra. E con ciò non mi riferisco solo alla guerra di Troia, ma al concetto di guerra in generale. E’ vero che dovrà passare quasi un millennio dalla venuta di Cristo, ma la sottrazzione di una vita è la prevaricazione più grande di un uomo su di un altro.

  5. Olga ha detto:

    Giustissimo!!Niente può giustificare la sottrazione della vita altrui..la vita è quanto di più prezioso e sacro ci sia,e noi non siamo nessuno per decidere di toglierla!!concordate?

  6. Laura ha detto:

    Colgo l’occasione per esprimere il mio parere…gli uomini di oggi e quelli della società omerica…un abisso di convinzioni,cultura,atteggiamenti mentali… la società omerica è una società in cui ogni uomo basa la sua vita sull’idea che gli altri si fanno di lui…Briseide è un gheras, una proprietà, ed in quanto tale accresce la timè, il kleòs, la rispettabilità di Achille… la sua sottrazione è la negazione della sua aretè, del suo valore ed in quanto tale costituisce un motivo di aidòs, di vergogna. Tutto questo spiegamento di termini e questa rottura di scatole da parte mia per sottolineare il fatto che in questa società la cosa più importante era la reputazione, non il sentimento della colpa al momento dell’errore ma il “cosa penseranno ora di me?”. In questa ottica si spiega la morale del ” con lo scudo o sopra lo scudo” o dell “è bello morire tra le prime file dei soldati”, o ancora il discorso di Ettore che si preoccupava per la reputazione del figlio Astianatte nel caso in cui egli avesse abbandonato la battaglia come propostogli dalla moglie Andromaca. Un mondo in cui per essere considerati bisognava essere degli eroi… si pensi alla figura di Tersite…il popolo fa da sfondo. Ma non è un mondo così superficiale…c’è tutta una serie di valori forse più forti di oggi, anche se naturalmente da leggere con altre chiavi. La vendetta nei confronti di un amico, il dovere di dare degna sepoltura ai morti, la convinzione di non doversi far possedere da Ate ( l’ira ), il rispetto per gli anziani, il dovere della xenìa…vorrei ricordare che in Grecia si utilizzavano delle onorificenze ( decreti di prossenìa ) per chi si occupava degli ospiti, quindi non è un mondo che concerne solo i poemi. Oggi molti di questi valori li abbiamo persi senza rendercene conto e non sappiamo recuperarli. E’ vero, oggi non possiamo uccidere gli amanti ( uomini ), abbiamo imparato a dare importanza alla colpa e non alla vergogna…ma quante cose abbiamo perso per strada?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: